Fino a pochi anni fa il bruxismo del sonno si diagnosticava in base all’usura dei denti del paziente.

Però se il paziente aveva smesso di bruxare 6 mesi prima, il dentista non aveva modo di scoprirlo.

Come possiamo riconoscere un paziente bruxista, anche se non presenta segni di usura dei denti?

Eistono 4 step principali:

1.Verificare se il paziente o un suo familiare lamenta rumore da digrignamento durante il sonno. Il rumore da digrignamento è altamente indicativo di bruxismo del sonno, tuttavia l’assenza di rumore non permette di escludere la patologia.

2. E’ probabile che il paziente sia bruxista se presenta una ipertrofia di uno o di entrambi i muscoli masseteri al massimo serramento volontario della bocca

3.Se il paziente lamenta dolore muscolare o mal di testa al risveglio è probabile sia un bruxista.

4.Se il paziente presenta solo uno o tutti i sintomi sopra elencati è consigliabile una misurazione del bruxismo del sonno attraverso uno strumento portatile che possa attestare sia l’entita’ delle contrazioni dei muscoli masseteri che la frequenza cardiaca associata ad ogni evento.

Lo strumento in uso presso il nostro studio è capace di identificare un paziente “digrignatore” o “serratore”. Questa informazione risulta fondamentale per approntare il bite piu’ opportuno. Inoltre è l’unico strumento al mondo validato scientificamente per la diagnosi e la misurazione del bruxismo del sonno.

SOFFRI DI BRUXISMO? PRENOTA ORA LA TUA VISITA SPECIALISTICA PRESSO IL NOSTRO STUDIO