La bocca secca o ”xerostomia” è il sintomo che le ghiandole salivari stanno producendo meno saliva del necessario.

Questo inconveniente, di cui spesso non ci si rende conto, può interferire con la salute della bocca e il benessere generale, compromettere le relazioni sociali e la qualità di vita complessiva.

Una corretta salivazione è essenziale per mantenere l’equilibrio della bocca e tutelare denti, gengive e mucose da irritazioni, infezioni, e piccole ulcerazioni.

La saliva contribuisce a normalizzare il pH del cavo orale, proteggendo lo smalto dei denti e prevenendo la formazione di placca e carie.

Grazie alla sua azione umidificante e alla viscosità che la caratterizza, mantiene idratate e protegge le gengive e le altre superfici della bocca, riducendo il rischio che insorgano gengiviti, afte, candidosi e parodontiti.

In chi soffre di bocca secca queste azioni favorevoli vengono meno e compaiono sintomi quali:

  • Sensazione di bocca asciutta e costante bisogno di bere
  • Infiammazione e bruciore a livello della lingua, del palato o della parte interna delle guance
  • Afte, carie, infiammazioni, infezioni e sanguinamenti gengivali
  • In aggiunta, si possono avere difficolta’ di masticazione e deglutizione, si puo’ percepire un cattivo sapore in bocca e soffrire di alitosi.

LE CAUSE PRINCIPALI
La sindrome della bocca secca è molto diffusa: secondo le stime, ne soffrono almeno una persona su cinque in età adulta e circa un anziano su due.

Le cause transitorie di xerostomia comprendono le oscillazioni ormonali (nelle donne), la disidratazione, il fumo, lo stress, l’ansia e/o la depressione, l’ipertensione, i deficit vitaminici e l’assunzione di farmaci che tra gli effetti collaterali hanno la bocca secca.

Cause di xerostomia persistente comprendono, invece, l’età avanzata, la presenza di malattie croniche che influenzano direttamente o indirettamente la salivazione (sindrome di Sjögren, diabete, malattia di Parkinson, artrite reumatoide ecc.), patologie specifiche delle ghiandole salivari, tumori, interventi chirurgici o radioterapia effettuati a livello della testa e del collo.


LE TERAPIE DISPONIBILI

Per contrastare i fastidi della bocca secca sono disponibili rimedi, acquistabili in farmacia.

Si tratta di gel e spray umidificanti e protettivi da applicare direttamente sulle gengive e sulle mucose della bocca più volte al giorno, paste dentifrice delicate e ricche di fluoro che non irritano le mucose sensibili di chi soffre di bocca secca e aiutano a tutelare lo smalto dei denti, collutori specifici che offrono un’idratazione/protezione aggiuntiva, promuovendo anche la remineralizzazione dello smalto.

Per ottenere un risultato ottimale, l’ideale è combinare questi prodotti nell’arco della giornata per agire di volta in volta con il rimedio più adatto a normalizzare lo stato della bocca nelle diverse situazioni: il gel o lo spray ogni volta che si sente la bocca secca; il dentifricio dopo ogni pasto; il collutorio prima di andare a letto.

Nei casi di salivazione molto scarsa o assente, in aggiunta a questi rimedi quotidiani di tutela dell’igiene e della salute della bocca, il medico potrà prescrivere farmaci o dispositivi elettronici in grado di stimolare la produzione di saliva.

SOFFRI DI BOCCA SECCA? PRENOTA ORA LA TUA VISITA SPECIALISTICA PRESSO IL NOSTRO STUDIO

Stomatite e afte: cause e rimedi

Stomatite e afte: cause e rimedi

La stomatite aftosa è un processo infiammatorio delle parti molli della bocca caratterizzato dalla formazione di piccole piaghe ulcerose, definite afte, su gengive, palato, lingua e superfici interne di guance e labbra. Quali sono le cause? Le cause principali sono...

Sai cos’è la sindrome della bocca che brucia?

Sai cos’è la sindrome della bocca che brucia?

La  sindrome della bocca urente o sindrome della bocca che brucia o Burning Mouth Sindrom (BMS)  è una patologia caratterizzata da  bruciore e dolore cronico a livello orale con un dolore intenso, simile a quello di   un ustione. Qualè il sintomo principale? E’ Il...

Call Now Button