La ritenzione di un dente nell’osso, chiamata inclusione sia che si tratti di un canino che di un dente del giudizio è una problematica che viene scoperta sempre dall’ odontoiatra nel corso di una visita specialistica.

Ma come fare la diagnosi di inclusione del canino e come trattarla in maniera preventiva?

Dopo il dente del giudizio, il canino mascellare è l’elemento più interessato da anomalie di eruzione e di posizione. La scoperta di un dente malposizionato o incluso è spesso casuale e può quindi essere evidenziata dall’odontoiatra durante una normale visita di controllo o attraverso una panoramica.
Con il termine dislocato o malposto si fa riferimento a una posizione anomala e sfavorevole del canino individuata in uno stadio “precoce” di sviluppo, l’inclusione rappresenta il più delle volte una conseguenza del dislocamento dell’elemento non preventivamente diagnosticato.

Quali sono le più recenti strategie di trattamento intercettivo, in una fase di dentizione mista precoce, nei pazienti con malposizione del canino permanente mascellare?
L’obiettivo di questo tipo di trattamento è quello di aumentare le percentuali di successo della sua eruzione spontanea.
L’individuazione dei disturbi di eruzione evita che una malposizione possa evolvere in inclusione intraossea totale, riduce la durata del trattamento, semplifica le meccaniche ortodontiche, riduce i costi della terapia e il rischio di insorgenza di alcune complicanze.

Oltre all’esame clinico è opportuno avvalersi di tutti i mezzi diagnostici radiografici utili a individuare e riconoscere tale anomalia, l’ortopanoramica, come esame di base, consente di monitorare il percorso eruttivo del canino ed eventualmente diagnosticare la malposizione.

 

UTILISSIMA IN QUESTI CASI L’ESECUZIONE DI UNA TAC 3D CONE BEAM . ENTRAMBI QUESTI ESAMI SONO ESEGUIBILI NEL NOSTRO STUDIO IN POCHI MINUTI.

I protocolli proposti come terapia intercettiva più diffusi vanno dall’estrazione dei canini decidui superiori e dei quarti superiori e al monitoraggio radiografico, eseguito ogni 6 mesi, in attesa dell’eruzione del canino permanente.

La pianificazione di un trattamento efficace offre la possibilità di risolvere la malposizione canina scegliendo, nel momento opportuno, la metodica terapeutica più adeguata per ricondizionare il tragitto di eruzione del canino dislocato.

IN CASO DI CANINI SUPERFICIALI E’ POSSIBILE ESEGUIRE L’INTERVENTO DI DISINCLUSIONE CON LASER CHE ESEGUIAMO DI ROUTINE PRESSO IL NOSTRO STUDIO.

SCARICA GRATIS IL NOSTRO EBOOK ORTODONZIA FACILE PER IL TUO BAMBINO

Prenota ora la tua visita specialistica presso il nostro studio per scoprire di più

Scopri la Tac Cone Beam 3D dentale!

Il nostro studio è dotato di un ambulatorio con apparecchio radiologico mediante cui è possibile eseguire una radiografia panoramica digitale (Ortopantomografia tradizionale) e una TAC CONE BEAM 3D volumetrica (CBCT). Attraverso le apparecchiature sopra descritte è...