Ci sono due fasi per prevenire le malocclusioni: la prima è lo studio del caso e a seguire c’è l’applicazione di apparecchi correttivi.

Ci sono diverse cause di malocclusioni, come:

  • succhiarsi il pollice 
  • La spinta della lingua sui denti
  • Tonsille ed adenoidi che causano una restrizione delle vie aeree
  • Traumi dentali
  • La prematura caduta dei denti

 

Per eseguire un trattamento corretto ed efficace sono necessarie:

1. la visita ortodontica

2. Radiografia panoramica

3. Teleradiografia del cranio postero anteriore e laterale

4. Analisi cefalometriche

5. Integrazione della visita posturale con pedana stabilometrica, fotometria e analisi al podoscopio laser.

Sulla base dei dati ricavati da questi esami ed analisi, l’ortodontista svilupperà un piano di trattamento individuale e personalizzato.

In seguito si discute il piano di trattamento con il paziente (o con i genitori) per rispondere ad eventuali domande e per comunicare i costi e la durata della terapia adatta.

ORTODONZIA MOBILE FISSA TRASPARENTE: SCOPRI TUTTI I TRATTAMENTI ORTODONTICI PERSONALIZZATI

Solitamente la terapia ortodontica si divide in 3 fasi:

La prima è la fase funzionale: in alcuni casi questa fase inizia precocemente, quando ancora in presenza dei denti da latte. Lo scopo di questa prima fase è di bloccare le discordanze dentali e scheletriche che, se non prese per tempo durante la fase di crescita, potranno essere più difficili da risolvere.

Questa fase viene effettuata con l’utilizzo di apparecchiature funzionali.

La seconda fase, la fase ortopedica, comincia generalmente ad eruzione completa di tutti i denti permanenti (11-12 anni) e permette di coordinare in modo ottimale i loro rapporti, con lo scopo di raggiungere gli obbiettivi fissati in precedenza.

Questa fase prevede l’utilizzo di trazioni extraorali ortopediche.

Finita la terapia con l’apparecchio fisso, si consegna al paziente l’apparecchio di contenzione più idoneo al caso. L’utilizzo dell’apparecchio di contenzione fa parte della terza fase.

Compito dell’apparecchio di contenzione è proprio quello di tenere i denti fissi nell’osso che si sta riformando dopo il movimento ortodontico intorno alle loro radici.

In genere l’apparecchio di contenzione va utilizzato per una durata di 2 anni o più, a seconda del caso. Tale periodo è importante tanto quanto quello della terapia attiva e serve per evitare movimenti dei denti non desiderati (recidive).

OPEN DAY ORTODONZIA DEL BAMBINO

SCARICA GRATIS IL NOSTRO EBOOK ORTODONZIA FACILE

Prenota ora la tua visita specialistica ortodontica presso il nostro studio!

Ti interessa questo argomento?

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere info su questo e tanti altri argomenti!

    Accetto la Privacy PolicyAccetto l'utilizzo commerciale dei dati


    Call Now Button